Expowall Gallery

CONTATTI 

Via Curtatone 4  – Milano

Tel. 02 87287961

 E-mail: info@expowallgallery.com

www.expowallgallery.com

Inaugurazione  11 Ottobre  h. 18.00 / 21.00

12 Ottobre h. 11.00 / 19.00

13 Ottobre h. 11.00 / 19.00

Instalalzioen site specific e incontro con gli artisti Roger Corona e Vivide Mantero

Black Lulu | Fotografie di Roger Corona, sculture di Vivide Mantero


La Galleria Expowall, capofila della versione italiana di Milano Gallery Weekend, ha deciso di proporre al pubblico un progetto dal sapore mitologico e ancestrale, una “storia d’amore totale”. Amore per una terra dal ritmo tutto suo, sogno e miraggio dell’Occidente, crocevia dell’Oriente: Zanzibar, l’isola della luna.
Amore fra due arti che si incontrano, forse come mai prima, la fotografia e la scultura, nessuna subordinata all’altra, ognuna vista nella sua gloriosa, quanto generosa, regalità. Amore fra due culture che vogliono conoscersi, amore fra un luogo e gli artisti che lo esplorano, amore per chi oggi, anche se lontano, può sognare di essere lì.
Black Lulu nasce proprio dall’amore di Roger Corona, fotografo, e Vivide Mantero, scultrice, per un altro modo di guardare il mondo e ciò che ci rappresenta, dall’amore di camminare scalzi per sentire tutti gli impercettibili battiti della terra e della nostra storia.
Ospiti rispettosi e curiosi di Zanzibar, su quella terra ci hanno camminato per tanto tempo, l’hanno studiata, vissuta, assaporata e ce ne restituiscono un racconto che ha la capacità di diventare esperienza. Gli oggetti scultorei stessi parlano la lingua zanzibarina: legno e ferro, che provengono dall’isola, sono trasformati in inedite, intriganti opere artistiche. Il materiale rinasce, acquisisce una nuova funzione e, con questa nuova forma e questo nuovo significato, conquista la vita eterna.
A partire da un’istallazione site specific, si celebra l’unione di due arti che fanno della luce, della forma e dei volumi la Sibilla del nostro modo di percepire la vita. Cuore pulsante del progetto Les Femmes de la lune, una piccola e preziosa serie di opere che ha ricevuto gli onori di studi accademici e che si appresta a partire per Lisbona, per una nuova esposizione internazionale.
Qui, le donne zanzibarine si spogliano dei colori caldi dei loro abiti e la loro pelle, lucente, vestita di ferro tenace ed elegante come loro, le mostra per quello che sono. Black Lulu: una perla nera (in swahili, Lulu Nyeusi). Maestosa, lunare, perfetta. Chioma al vento, libera, capelli corti alla maschietta. Accoglienti come l’eterno femminino, ieratiche come la Grande Madre, queste donne, ci dice la storica dell’arte Giuliana Scimé, realizzano «l’irrealizzabile, per regalarci una nuova, inconsueta interpretazione di un universo immaginifico».

BIOGRAFIA

Roger Corona e Vivide Mantero


Roger Corona nasce a Marsiglia nel 1949.
Fiorentino d’adozione, un passato da dirigente in Fiat, nel 1984 si trasferisce a Milano dove inizia la sua attività di fotografo professionista.
Diventa fotografo della bellezza per l’editoria nazionale e internazionale lavorando per le maggiori testate italiane ed europee e per la pubblicità.
Al lavoro publi-redazionale unisce un impegno attivo nel campo della ricerca fotografica.
Fra le sue mostre si ricordano: Pattern geometrico, a cura di Maurizio Rebuzzini – Milano, New York, Piacenza (2017); Dettagli, a cura di Giuliana Scimé – Milano, Firenze (1996); Femmes Extrêmes, a cura di Giuliana Scimé – Milano, Lugano, Parigi (1994); IO & IO, a cura di Carlo Franza – Milano (1993)

Vivide Mantero è nata a Milano. È una fotografa affermata e apprezzata, specializzata in ritratti e fotografie di moda. Il suo libro Cosa farai da grande? raccoglie le immagini di importanti personaggi della cultura e della moda italiana.
Trasferitasi a Zanzibar, affianca all’attività di fotografa quella di scultrice.
Per le sue sculture utilizza soprattutto un materiale: il ferro, perché – spiega – è «a prima vista così freddo e rigido e tuttavia così incredibilmente malleabile e pieno di vita». Dopo diciassette anni, Vivide ha lasciato Zanzibar e si è trasferita a Cascais, in Portogallo.
Fra le sue mostre si ricordano: 2D vs 3D - Reflexões de Zanzibar, Galeria Europa America – Lisbona (2017); Mapping Souls, Gallery of 59rivoli – Parigi (2013); Inversi percorsi, Est Africa Biennale – Dar Es Salaam (2005); Maschere - Sguardi da Zanzibar, Spazio Forno – Cernobbio (2005); Cosa farai da grande?, Studio Orizzonte – Roma (1990).