Noema Gallery

CONTATTI 

PELLEGRINELLI ARREDA MILANO

via Molino delle armi 2/A – Milano

Tel. 02 83976993

 E-mail: noema@noemagallery.com

www.noemagallery.com | www.pellegrinelli.it

Inaugurazione  11 Ottobre  h. 18.30

12 Ottobre h. 10.00 / 19.00

13 Ottobre h. 10.00 / 19.00

Mostra e inaugurazione alla presenza dell'artista. Cocktail di benvenuto

"Depositi" - Arte nascosta Le fotografie di Marco Lanza per raccontare in modo suggestivo cosa si nasconde nei depositi museali italiani 
 


Pellegrinelli Arreda Milano in collaborazione con Noema Gallery, in occasione di Milano Gallery Weekend, inaugurerà e per i successivi due mesi esporrà nei 300mq sapientemente arredati della centrale showrrom milanese, la mostra fotografica "Depositi, immagini dai musei italiani" di Marco Lanza. Nel corso dell'inaugurazione l'autore ci racconterà come le immagini esposte non vogliano semplicemente riprodurre i depositi ma cercare di ricrearli e dare loro forma attraverso il linguaggio della fotografia con le inquadrature e i colori che scaturiscono dall’incontro tra la luce e la materia, il corpo e la polvere. L'evento sarà l'occasione per far dialogare sapientemente arte e design.
textarea-297

La tesi che soggiace a questa mostra vuole che la fotografia, quella d'autore, sia come pittura e scultura, ovvero un'arte che diviene elemento fondamentale per l'arredamento di una casa. E dunque il rapporto tra fotografia e design si fa sottilissimo, si annulla la separazione e di fatto la fotografia è oggetto che da piacere visivo, che "fa arredamento". E' oggetto emozionale che stimola ricordo e benessere psicofisico per chi vive la casa in cui essa è ospitata.
Per Marco Lanza anche i musei hanno "un altro lato della luna". E' quello composto dai loro depositi, ovvero gli spazi non aperti alla fruizione che raccolgono un numero anche maggiore di opere d'arte rispetto a quelle messe in mostra. L'autore si avventura nel cuore dei musei e lascia che la maccina fotografica si metta in ascolto del suono ovattato della memoria conservata: una dimensione parallela dove reperti archeologici, sculture, dipinti, opere dell'umano ingegno hanno vita a sé. La fotografia si concentra su questa atmosfera, sulle luci, sulla polvere, sulla materia celata che racconta e magari racconterà, numerose altre storie.
Il progetto sui depositi nasce nel 2006, in occasione di una collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Firenze per il 40° anniversario dell'alluvione di Firenze. L’idea di partenza era di effettuare le riprese fotografiche nei vari depositi del museo che, nel 1966, era stato gravemente danneggiato dalle acque dell'Arno.
La notte del 4 novembre 2006 le fotografie dei depositi vennero proiettate sulla facciata del palazzo del museo.

BIOGRAFIA

Noema Gallery | Maria Cristina De Zuccato


La fotografia è sempre stata la mia passione. Una passione amatoriale, perché nella vita ho fatto tutt’altro: ho intrapreso una carriera manageriale con grande entusiasmo poi, con l’arrivo dei miei quattro figli, la mia professione ha lasciato il posto al ruolo di madre. Un giorno incontrai un amico, architetto e fotografo (Aldo Sardoni oggi Direttore Artistico della Galleria), che mi espose la sua opinione riguardo la mia personalità, assai idonea al ruolo di gallerista. E così, prima parlandone quasi scherzando e poi seriamente, abbiamo creato una galleria d’arte dedita alla fotografia. Ci piaceva l’idea di diffondere questa forma d’arte con una chiave inusuale: volevamo essere la prima galleria che non solo vendeva ma permetteva l’affitto di opere fotografiche.
Situata in Brera, nel cuore artistico di Milano, in pochi anni la galleria ha conquistato gli amanti della fotografia grazie ad un’accurata selezione di eccellenze artistiche italiane, anzi meglio, europee. Fotografie d’autore da ammirare e acquistare, dunque, ma anche innovazione imprenditoriale grazie all’introduzione della formula “Art Rent” che offre la possibilità anche di noleggiare le opere esposte. La formula “Art Rent”, molto diffusa all’estero, non rende ancora molto in Italia ma mi ha aiutata a creare un concept di galleria un po’ diverso dagli altri che mi ha permesso di introdurmi in contesti inusuali per l’arte.
Collaboriamo soprattutto con artisti italiani ed europei perché riteniamo abbiano una sensibilità diversa. Chi nasce e vive in Europa è circondato dall’ 80% del patrimonio artistico mondiale e probabilmente questo incide nel trovare uno sguardo diverso rispetto agli artisti provenienti da altre realtà. A noi piace quel tipo di sensibilità, questa è la caratteristica che ci distingue.